Human-Robot Interaction (pt.2) – Claudio Lombardo

0
18

“Sorvegliare” il comportamento degli altri, tentando di leggere i loro stati mentali al fine di comprendere le loro intenzioni, in modo da saperci comportare di conseguenza, è un atteggiamento che mettiamo in atto quotidianamente.
La «Tesi di non osservabilità» degli stati mentali sostiene che quest’ultimi sono inaccessibili, inosservabili.
Ma è possibile dimostrare il contrario?
Il dott. Claudio Lombardo spiega come raggiungere “l’osservabilità” degli stati mentali tramite il campo di indagine definito Human Robot-Interaction (HRI).

source

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 − 2 =